Nella situazione attuale in cui il Sistema Sanitario Nazionale è messo a dura prova dall’epidemia da coronavirus, molte problematiche legate ai pazienti cronici sono state trascurate evidenziando la necessità di un impegno maggiore nell’aumentare l’aderenza terapeutica. Federfarma in un post su Facebook di settimana scorsa, ha proprio ribadito la centralità del ruolo del farmacista nella presa in carico dei pazienti, per migliorare l’aderenza terapeutica.

Circa il 70% dei pazienti cronici, per lo più anziani, non segue correttamente i trattamenti terapeutici. Questo può…

Pubblicato da Federfarma su Giovedì 28 maggio 2020

L’aderenza terapeutica in Italia

In occasione della Giornata nazionale dell’Aderenza, Ciat – Il Comitato italiano per l’aderenza alla terapia – ha fatto il punto sulla situazione in Italia: sono oltre otto milioni gli anziani nel nostro Paese, e di questi il 60,7% degli over 65, sono colpiti da almeno una malattia cronica. E il 25% da due o più patologie di questo tipo. Tra le più diffuse troviamo le cardiopatie (27%), le malattie respiratorie croniche (21%), il diabete (20%) e i tumori (13%). Sul 70% degli anziani si rileva una scarsa aderenza alla terapia, i trattamenti non vengono seguiti in modo corretto o vengono abbandonati prima del termine. Questo porta ad un aumento del numero di accessi al Pronto Soccorso e  delle prescrizioni oltre a quello delle riospedalizzazioni per una spesa totale di circa 125 miliardi di euro/anno che potrebbero essere investiti diversamente.

L’importanza dei farmacisti nella presa in carico dei pazienti

Nonostante sia compito del medico stabilire la terapia per il paziente, il ruolo del farmacista nella presa in carico dei pazienti è fondamentale. Il farmacista infatti, si occupa di monitorare le assunzioni e le interazioni farmacologiche, segnalare eventuali effetti collaterali oltre a rilevare i miglioramenti della salute del paziente grazie alla sua presenza costante sul territorio.

Per gestire in modo efficace la presa in carico del paziente, il farmacista ha bisogno di introdurre nella propria quotidianità lavorativa degli strumenti funzionali alla raccolta e al monitoraggio dei dati farmacologici e terapeutici del paziente e all’archiviazione di queste informazioni raccolte per avere la possibilità di consultare la storia terapeutica del cliente quando necessario. In questo modo il farmacista diventa sempre di più un punto di riferimento per il paziente, che si rivolgerà a lui per ogni esigenza.

Le funzionalità di Carepy per la presa in carico per il paziente

Carepy nasce proprio come strumento per la presa in carico dei pazienti e per migliorare l’aderenza terapeutica.  Vediamo insieme alcune funzionalità particolarmente utili da questo punto di vista:

  • Profilazione dei pazienti attraverso la creazione di un profilo paziente che raccoglie la storia terapeutica e quindi sulla piattaforma Carepy Pharma potremo visionare le terapie intraprese e i piani terapeutici inseriti, i farmaci che sta assumendo o che ha acquistato in passato, le misurazioni effettuate
  • Creazione di gruppi in base al genere, all’età e alla patologia con la possibilità di inviare consigli e promozioni mirate
  • Ricordo delle attività, per l’approvvigionamento dei farmaci che stanno per finire e/o scadere e gli appuntamenti in farmacia per i check up della salute

Dunque quando entrerà un paziente diabetico nella nostra farmacia, il farmacista seguirà la fase di profilazione inserendo tutte le informazioni farmacologiche, terapeutiche e di misurazione dei parametri vitali. Inoltre, si occuperà di inserire il paziente all’interno di un gruppo specifico per rispondere alle esigenze dei pazienti diabetici. In questo modo, quando arriverà un nuovo integratore per abbassare l’indice glicemico o in caso si attiverà un nuovo servizio di pareri nutrizionali in farmacia, potremo inviare una notifica personalizzata direttamente a tutti i componenti del gruppo. Inoltre tra le attività di presa in carico, avremo la possibilità di calendarizzare per il paziente gli appuntamenti per i ritiri dei presidi diabetici e per il monitoraggio di parametri come l’emoglobina glicata e l’ECG direttamente in farmacia.

Ulteriori vantaggi per la farmacia

L’impegno nella presa in carico dei pazienti, oltre ad offrire un servizio di qualità ai propri pazienti, permette di aumentare la fidelizzazione di questi alla farmacia. Con l’introduzione di Carepy Pharma, servizio digitale distribuito in esclusiva da Comifar, è stato registrato un incremento del ritorno in farmacia da 7 volte all’anno a 13. Questo soprattutto grazie agli appuntamenti calendarizzati nel tempo, la cui percentuale di partecipazione è aumentata dal 50% all’80% (Dati rilevati da Carepy nelle farmacie che utilizzano il servizio). Questo aspetto permette inoltre ai farmacisti di proporre prodotti o servizi aggiuntivi complementari rispetto al primo bisogno o acquisto del paziente. L’aderenza terapeutica in Italia.

Contatta il tuo agente Comifar o la specialist Valore Salute per avere maggiori informazioni sui servizi di Carepy. In alternativa scrivici una email a info@carepy.com e ti ricontatteremo entro 24 per mostrarti una demo gratuita. Per rimanere sempre aggiornato sulle nostre novità  seguici su Facebook , LinkedInTwitter Instagram.

WhatsApp chat